LE AREE INTERNE TRA ABBANDONI E RICONQUISTE

Un paese ci vuole

Recensione del libro Lento Pede di Mauro Francesco Minervino
“Un paese ci vuole, non fosse che per il gusto di andarsene via”. E così è, ed è stato. Ma forse è arrivato il momento di fare i conti con un insieme di luoghi comuni che riguardano la vita dei paesi a cui allude quella tragica e teatrale frase con cui Pavese iniziava La luna e i falò, il libro scritto poco prima di uccidersi. Per la geografia umana e per il carattere culturale della nostra attuale nazione – dunque per la vita stessa del nostro paese, quello con P maiuscola –, il paese, questa entità provinciale ancora così fragile e diffusa, così maggioritaria e così significativamente italiana, resta tuttora variamente implicata nella realtà sociale, nel discorso pubblico e nelle scelte politiche ed economiche.

Leggi Tutto »

Voglia di restanza

Chi rimane nei paesi d’origine perchè ama la tranquilliyà. Chi preferisce una vita nella natura. Sempre più giovani scelgono di abitare lontano dalla città.

Leggi Tutto »

Ecco perchè tanti giovani non lasciano il Belpaese

La fuga dall’Italia da parte dei nostri giovani (a volte i migliori di essi, i I più preparati, i più determinati) è un fenomeno purtroppo avvilente che non accenna a ridimensionarsi. Dopo il calo di partenze nel biennio 2020/2021, nell’anno che ci siamo appena lasciati alle spalle il dato è tornato ad essere allarmante.

Leggi Tutto »

L’Italia che c’è ancora da fare: Senza sud non si vince la sfida

Solo se uniti saremo più forti, dice Alcide De Gasperi. Invece il Bel Paese rimane gravemente diviso tra Centro-Nord e Sud, con quest’ultimo che sembra addirittura una nazione a parte. Un limite che ci danneggia limi­tando il mostro posyo in Europa. Ma la “questione meridionale” è scomparsa dall’agenda elettorale, ridotta solo a qualche promessa di mance. •È indubbio che la disunità economica e sociale dell’Italia resta ancora oggi un limite strutturale più evidente..

Leggi Tutto »