LE AREE INTERNE TRA ABBANDONI E RICONQUISTE

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter

Borghi siciliani dalla vetrina di Rai3 a un piano di sviluppo

Condividi su twitter
Twitter
Condividi su facebook
Facebook

Dopo terzo posto Geraci siculo si pensa al futuro e ai giovani

La sfida più grande è proprio quella di fare in modo che i giovani restino nei borghi, vanno create opportunità di lavoro anche nei piccoli centri, come ha sottolineato Giulia Sonzogno, esperta di sviluppo di ‘Riabitare l’Italia’. “Facciamo ricerca e promuoviamo progetti sui territori coinvolgendo la popolazione con workshop e seminari. Stiamo portando avanti il nostro primo grande progetto che si chiama “Giovani dentro” proprio per capire quali sono le motivazioni a restare, come è possibile promuovere opportunità per i giovani delle aree interne. Capire chi sono, cosa vogliono fare, perché vogliono restare. Dai primi dati che abbiamo raccolto il 70% dei giovani vuole restare, oltre il 50% vuole promuovere strategie di sviluppo e progetti perché pensa alla sua vita nei territori. Attraverso le risorse europee oggi è possibile attivare una serie di opportunità”.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA