LE AREE INTERNE TRA ABBANDONI E RICONQUISTE

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter

Call rivolta a studenti universitari e progettisti per partecipare alla summer school PETITES FOLIES a Garessio (Cn) dal 25 al 31 luglio 2021

Condividi su twitter
Twitter
Condividi su facebook
Facebook

Scadenza per l’invio delle candidature: 20 giugno 2021.

Garessio è un borgo di 2900 abitanti incastonato tra le Alpi Marittime e il fiume Tanaro, al confine tra Piemonte e Liguria, che ha dato i natali al designer Giorgetto Giugiaro e all’artista Giuseppe Penone, oggi in forte regressione demografica. Un territorio fragile violentato ciclamente dalle alluvioni nel 1994, nel 2016 e la più recente nel 2020 che ha avuto esiti catastrofici sull’abitato, sull’economia e sulla mobilità, mettendo la comunità di Garessio in grave difficoltà. Così la rigenerazione economica e sociale non potrà che manifestarsi attraverso la cultura e di conseguenza il turismo. Un turismo legato alle eccellenze che il borgo offre, come lo scenario paesaggistico, la rete dei sentieri, che consentono l’accesso ai monti circostanti Galero (1708 mt.), l’Antoroto (2144 mt.) col suo Rifugio Savona, il Berlino (1798 mt.), il Bric Mindino (1879 mt.) La conformazione di Garessio suddivisa in borghi (fa parte della rete Borghi più belli d’Italia) ha in quello medioevale il suo fulcro storico rappresentato dalla Chiesa di San Giovanni Battista e dal Castello risalente al XII secolo, residenza dei Marchesi di Ceva- Garessio e successivamente degli Spinola. 

In questo contesto si inserisce la summer school PETITES FOLIES coordinata dal critico di architettura Emanuele Piccardo e condotta da Luigi Greco e Mattia Paco Rizzi, fondatori di Grriz (http://www.grriz.com/), attivi in Italia e Francia nell’autocostruzione di spazi pubblici. Gli obiettivi sono molteplici:
-indagare il rapporto tra umanità e natura, con particolare attenzione ai boschi di Garessio attraverso passeggiate, reading di testi inerenti il bosco e dialoghi open air con scrittori, fotografi, sociologi.
-progettare il belvedere del Castello attraverso il cantiere di autocostruzione con la partecipazione della comunità locale insieme agli studenti e ai progettisti selezionati
-sviluppare una cultura ambientale
-prendersi cura del proprio territorio per contrastare l’abbandono

Informazioni per partecipare

La scuolaè rivolta a studenti italiani e stranieri dei corsi di laurea magistrale di Architettura, Design, Accademia di Belle Arti, Antropologia, Sociologia, Lettere, iscritti nelle Università italiane, e ai progettisti (architetti, ingegneri, paesaggisti). Possono partecipare anche studenti di Università straniere iscritti a corsi omologhi a quelli citati.

Il corso sarà tenuto in italiano. In caso di partecipazione di studenti stranieri, il dialogo con i tutor potrà essere anche in inglese o francese. 

Gli interessati devono inoltrare la propria candidatura compilando il form online https://forms.gle/XBR7bpbbdeFUmLec9 e caricando i seguenti materiali:

-un portfolio in pdf (max 10 Mb)

-una lettera motivazionale di max 3000 caratteri spazi inclusi in italiano e/o inglese entro il 20 giugno 2021

Le candidature accettate (max15) saranno rese note il 30 giugno 2021.
E’ prevista una quota di iscrizione pari a 300€ (benefits in via di definizione)

Ulteriori approfondimenti e materiali su
www.archphoto.it 

Informazioni: petitesfolieschool@gmail.com