LE AREE INTERNE TRA ABBANDONI E RICONQUISTE

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter

Il futuro nei piccoli comuni: Riabitare l’Italia a TG2 Dossier

Condividi su twitter
Twitter
Condividi su facebook
Facebook

Nel dossier del TG2 ‘il futuro nei piccoli comuni’ di Gloria De Simoni in onda lo scorso sabato c’è anche Riabitare l’Italia. Sono intervenuti la Direttrice Sabrina Lucatelli e due tra i promotori del progetto: Alessandra Faggian (GSSI) e Filippo Tantillo (Officine Sperimentali Aree Interne).

Il futuro nei piccoli comuni… dai giovani rientrati con la pandemia ai progetti innovativi che aiutano a restare, viaggio nell’Italia che resiste allo spopolamento. Un reportage che parte dalla Basilicata, una delle nostre regioni meno densamente popolate, raggiunge il cuore della Sardegna, con il suo interessante laboratorio di cittadinanza attiva per approdare poi nelle Marche, nelle terre piegate dal terremoto.

Con l’analisi Giovani Dentro stiamo osservando un cambio di preferenze soprattutto dei giovani: contrariamente a quello che ci si aspetta la maggioranza dei giovani vuole rimanere nelle aree interne e circa il 15% dei giovani ha dichiarato che forse se ne andrà, anche se controvoglia. Se avessero le possibilità per rimanere, lo farebbero.

Quale futuro aspetta al nostro paese, è questione legata fortemente alle sue Aree Interne. Queste aree hanno bisogno di una narrazione diversa e di ricucire la loro relazione  con le città, in un’ottica coerente con la natura policentrica del Paese. L’obiettivo è superare le aree interne e non cristallizzarle. È quindi importante rafforzare i piccoli comuni dal punto di vista amministrativo con uffici tecnici e giovani; aumentare le loro capacità di lavorare in maniera associata e con visione strategica; promuovere politiche per l’educazione, la salute e i trasporti attente alle esigenze di questi territori e creare nuove opportunità di lavoro rendendole accessibili ai giovani e ai ritornanti.

Riabitare l’Italia si impegna per il futuro di questi territori.