LE AREE INTERNE TRA ABBANDONI E RICONQUISTE

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter

Riabitare l’Italia al Food System Summit

Condividi su twitter
Twitter
Condividi su facebook
Facebook

Le aree interne rappresentano circa il 60% del territorio nazionale, e includono comunità storicamente ed istituzionalmente diverse. Questa diversità ha dato origine ad una ricchezza di sistemi alimentari e ad un patrimonio di sperimentazione istituzionale prezioso. A partire dai racconti dei protagonisti, il nostro dialogo vuole identificare nuove strade di sviluppo che rendano i sistemi alimentari sostenibili un volano di crescita per le aree interne. Il nostro dialogo si focalizza particolarmente su come favorire la partecipazione attraverso la progettazione di soluzioni condivise ed inclusive. 

Per saperne di più visita: summitdialogues.org/dialogue/13965/

In particolare, il dialogo Indipendente “I sistemi alimentari nelle aree interne: politiche nazionali e coalizioni
locali” si propone di identificare nuove strategie di partecipazione della società civile, ed
innovazioni istituzionali capaci di rendere i sistemi alimentari una via per la sostenibilità delle aree
interne.
Sin dagli anni ‘70, le aree interne hanno sofferto una crisi demografica, economica, sociale ed
ambientale che ne ha ritardato il processo di industrializzazione, preservandone la biodiversità.
Questa vasta area appenninica, che si snoda da nord a sud coprendo circa il 60% del territorio
nazionale, include comunità storicamente ed istituzionalmente molto diverse. Proprio questa
diversità ha dato origine ad una ricchezza di modelli agroalimentari e ad un patrimonio di
sperimentazione istituzionale prezioso.
La necessità di coinvolgere le comunità locali nella definizione di nuovi modelli di sostenibilità
emerge come un tratto comune, ma anche come un processo complesso e contraddittorio. La
capacità di identificare bisogni comuni e di co-progettare soluzioni mediando conflitti ed interessi
particolari sembra infatti il punto di arrivo della sostenibilità, piuttosto che la sua precondizione.
A partire dai racconti dei protagonisti di queste esperienze il dialogo vuole identificare gli elementi
comuni che favoriscono o che limitano il funzionamento dei sistemi alimentari come volano di
crescita per le aree interne e fornire linee guida per azioni future.