LE AREE INTERNE TRA ABBANDONI E RICONQUISTE

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter

Scuola di Paesaggio “Emilio Sereni”

Condividi su twitter
Twitter
Condividi su facebook
Facebook

La Scuola di Paesaggio intitolata a Emilio Sereni, importante storico del paesaggio agrario italiano, è una delle più consolidate esperienze formative sui temi paesaggistici e si propone quale sede di elaborazione di linee strategiche per il governo del territorio.

Allestita nella sede dell’Istituto Cervi, dove è conservato anche il patrimonio librario e archivistico di Sereni, essa costituisce una feconda occasione d’incontro fra università, scuola e governo del territorio.

Con una impostazione pluridisciplinare, la Scuola è rivolta a coloro che sono impegnati nei diversi campi dell’istruzione e della formazione, della ricerca, dell’amministrazione pubblica, delle professioni, dei musei e dell’associazionismo culturale e ambientale.

L’edizione di quest’anno, dedicata al “Paesaggio delle aree interne”, riguarda la parte più estesa del territorio italiano, quella delle colline e delle montagne, dei fiumi e delle paludi, cioè tutte quelle realtà essenzialmente rurali che sono state marginalizzate dal processo di sviluppo dell’età contemporanea e che oggi tornano alla ribalta come contenitori di patrimonio, risorsa per il futuro e ambiti di sperimentazione di un nuovo rapporto tra uomo e natura, a sua volta generatore di paesaggio, di economia, di società.

COMITATO SCIENTIFICO

Direttore: Rossano Pazzagli (Università del Molise)

Mauro Agnoletti (Università di Firenze),
Gabriella Bonini (Biblioteca Archivio E. Sereni – Istituto A. Cervi), Emiro Endrighi (Università di Modena e Reggio E.),
Saverio Russo (Università di Foggia),
Anna Sereni (Università Kore di Enna),
Carlo Tosco (Politecnico di Torino)